Pari e Dispari.

Ho deciso di fare un laboratorio su Eduardo. E’ un autore che conosco bene, ma la mia frequentazione non m’impedisce di continuare a guardare alla sua opera con un continuo senso di meraviglia e di ammirazione. Quello che vorrei fare Read more…


KuroKo. VIII giornata di Primavera.

La fine è nel principio: in quel antico amore per il teatro, nato assieme ad Angela. Grazie a tutte le compagnie che ho visto, a quelle che non c’ero, a quelle che c’ero, ma erano finiti i biglietti. In bocca Read more…


KuroKo. VIII giornata di Primavera.

Rivedere Roberto Latini a Castrovillari mi riporta al 2005. In quegli anni eravamo impegnati con la stagione del piccolo Caffè Teatro del Pianto e del Riso. Con (sopratutto) Massimo (Casimiro Gatto) avevamo appena dato vita ad una Rassegna che si Read more…


KuroKo. VIII giornata di Primavera.

Ci sono almeno tre ragioni per scrivere questo pezzo e per chiedere agli incauti lettori di questa bagattella di non giudicare i miei appunti (questi e gli altri) alla stregua del taccuino del critico. La prima ragione riguarda una mia Read more…


KuroKo. VII giornata di Primavera.

Oggi niente spettacoli. Alle 19.00 non è stato possibile vedere Patruni e sutta – peripezie della libertà e dell’illibertà, mentre lo Psicopompo dell’amico Dario era tutto esaurito. Ci rifaremo domani, intanto alle 17.00, con Moby Dick del Centro R.A.T./ TEATRO DELL’ACQUARIO. Read more…


KuroKo. VI giornata di Primavera.

Del Teatrino del Giullare avevo amato uno straordinario Finale di Partita, allestimento da scacchiera per pedine e due giocatori. Franco Quadri l’aveva definita una rappresentazione da antologia destinata a rimanere nella memoria. Era sempre di Primavera, forse quella del 2005. Read more…


KuroKo. VI giornata di Primavera.

Per il tuo bene è il testo vincitore del dodicesimo Premio Riccione “Pier Vittorio Tondelli”. L’autore Pier Lorenzo Pisani, classe 1991, ha il merito di farmi letteralmente piegare dal ridere per circa un’ora. Non è solo merito suo, naturalmente, ma Read more…


KuroKo. V giornata di Primavera.

Mi capita, di tanto in tanto, di usare l’espressione è uno spettacolo. Lo faccio quando la meraviglia entra nel corpo vivo di uno sguardo; lo faccio quando il desiderio nascosto s’approssima alla sua realizzazione. Il rischio della locuzione sfiora la Read more…


Kuroko. IV giornata di Primavera.

Scena Nuda mantiene ciò che promette. Quattro sedie, un tavolo nero e pochi oggetti di attrezzeria sono sufficienti a raccontare la storia di Mario, Barbara, Linda e e Paul. La drammaturgia di Philipp Löhle, autore di lingua tedesca, propone un Read more…


Kuroko. IV giornata di Primavera

Non mi capita spesso di parlare di scenografia. Ancor meno vedendo un festival come Primavera dei Teatri, dove generalmente la scena non gioca un ruolo centrale. Non mi capita di parlarne un po’ perché non è mio mestiere, un po’ Read more…