Icipit

Quando gli tolsero il casco che lo aveva aiutato a respirare per quel tempo che era parso interminabile non sentì sollievo. Assieme agli occhi di Carla entrarono le stranezze del mondo che la malattia aveva sigillato con la plastica. A guardarci bene, fuori non era andata come si sperava: erano mancate tante cose, ma nulla che valesse la marmellata di Giulia, gli scherzi di Antonio e le passeggiate con Claudio fino alla ferrovia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *